mercoledì 8 aprile 2015

Riflessioni da condividere materiali, meccaniche visive nei giochi di ruolo!

Riflessioni da condividere materiali, meccaniche visive nei giochi di ruolo!
Pare evidente che gli ultimi giochi usciti della Vas Quas Edtrice, hanno sempre degli elementi visivi o comunque esiste un'interazione con il tavolo. In questi giorni ne stavamo parlando in gruppo e credo che possa esser utile parlarne anche qui nel blog anche perché non mi ero mai accorto, che alcuni consideravano strane queste meccaniche. Alla fine sono Meccaniche che aiutano il giocatore a ricordare le regole, aiutano il giocatore a fare valutazioni e rendono i giochi maggiormente accessibili.

In questo esempio parleremo di Holy Truth, Il Mio Fantasy e Nomadic Hunter. Cercherò di non esser molto tecnico nelle spiegazioni.

Deus Opera: I gettoni utilizzati in Deus Opera hanno un'importante funzione visiva.

Gettoni: I Gettoni in Deus Opera hanno un'importantissima funzione visiva, in Deus Opera scandiscono il tempo e ti aiutano a narrare al punto. Scambiandosi i Gettoni, man mano nell'avanzare del gioco state dando il vostro "supporto" alla narrazione di un altro giocatore (una sorta di fanmail), ma non è solo questo i Gettoni sul tavolo una volta finiti, scatenano un'evento che porta alla conclusione della parte delle Missione che state affrontando. Questo sistema insegna ai giocatori a Narrare al Punto, insegna anche il Framing cercando di narrare le scene realmente necessarie. E' una meccanica molto potente che poi mi ha aiutato a capire che l'impatto visivo fa parte del game design.

I giochi che seguono usano gli elementi visivi, proprio per spingere alcune reazioni nei giocatori e fanno parte delle meccaniche di gioco.


Il Mio Fantasy: Il Mio Fantasy alla fine è un gioco di ruolo a pool di dadi da sei, che utilizza la scheda come contenitore per i dadi da lanciare.Il Pool di Dadi a Sei facce: Credo che questa meccanica sia ben nota, la particolarità di questo utilizzo è che sia il GM che il Gruppo sa sempre quando può spingersi oltre nell'utilizzo dei dadi come bonus aggiuntivi nelle prove, a volte costringe il gruppo anche a rischiare. Questo sistema inoltre crea un'interazione con il tavolo. Molti si spaventano quando vedono quanti dadi serve per giocare a Il Mio Fantasy, in realtà se ne tirano al massimo 6, sarebbe stato facile sostituire le pool con altri sistemi ma il fatto che tutto sia sempre visibile al centro del tavolo, aiuta il gruppo a visualizzare le capacità del proprio gruppo e l'avvicinarsi dell'epilogo degli avversari.La scheda: La scheda del Mio Fantasy, oltre riportare le varie caratteristiche del tuo eroe, ha una funzione importantissima, quando state affrontando un conflitto, le caselle della scheda vi servono per posizionare i Dadi da sei che poi dovrete lanciare, in modo visivo saprete cosa state utilizzando e cosa potete fare ancora cercando di mettere in gioco il meglio del vostro PG.



Holy Truth: Usa una scatola chiamata Scatola dei Punti Esperienza, dal quale viene il nome del motore di gioco Box Engine, usa i Gettoni, oltre i normali dadi a sei facce e una plancia. Holy Truth funzionerebbe anche senza tutti questi accorgimenti, ma non sarebbe altrettanto immediato. Gettoni: Per prima cosa dobbiamo parlare dei Gettoni, vedeteli come risorse, sono ben visibili davanti la scheda di ogni giocatore, quindi con colpo immediato un qualsiasi membro del gruppo può sapere come e quando quel giocatore può spingersi in un conflitto. E lo stesso colpo d'occhio consente al GM di conoscere lo stato del gruppo, capire quali personaggi tentare di colpire (con ovviamente lo scopo di rendere più interessante la scena). Ma i Gettoni sono anche il metodo per abbassare la difficoltà delle prove che il gruppo deve affrontare. La Plancia: non fa altro che sostituire la soglia che viene data dal GM per vedere se vinci o meno un conflitto. Il fatto che ci sia una plancia visiva ha svariati vantaggi, il primo è che non dovete ricordarvi quale è la soglia che dovete superare, il secondo è che la "difficoltà", quello che "ottente" se vincete il conflitto anche a livello di risorse è sempre chiaro. Questo rende Holy Truth molto veloce, vedendo sempre fisciamente la difficoltà è più facile capire fino a quando ci si può spingere avanti e permette al giocatore di concentrarsi meglio su quello che deve narrare e fare in gioco! La Scatola: La Scatola ha una funzione simbolica importante, i Giocatori ogni volta che usano risorse dalla prorpria mano per abbassare la difficoltà di una prova, aiutare un amico in un conflitto, acquistare  eventi, inseriscono i gettoni nella Scatola e questo corrisponde a dare Punti Esperienza al gruppo. In più dalla Scatola in condizioni eccezionali attingi, permettendoti di recuperare risorse.
 

Nomadic Hunter: è composto solo da elementi visivi! Ci sono dadi da lanciare, ma in generale il
tavolo comprende un tabellone, schede dei personaggi senza necessità di usare la matita, etc...etc...

Per Nomadic Hunter è inutile spiegarvi a cosa serve ogni elemento, Nomadic Hunter è stato sviluppato in modo visivo per aumentare l'accessibilità, forse non è propriamente un gioco di ruolo puro in questo caso, ma in generale tutte queste meccaniche visive, permettono di gestire più facilmente la partita!

L'Accessibilità è uno dei punti cruciali oggi per la diffusione dei giochi di ruolo e queste meccaniche aumentano notevolmente l'accessibilità del gioco.

Mi viene in mente anche un caso recente Musha Shugyō di cui sicuramente avete sentito parlare, uno dei punti forti di questo gioco è che le meccaniche sono molto visive! Con materiale anche bello graficamente da avere sul tavolo, carte, gettoni tutti questi elementi sicuramente hanno contribuito al suo successo! Sono sicuro che molti anche non appassionatissimi di GDR si siano avvicinati a questo gioco e ne siano rimasti piacevolmente colpiti.

Volendo parlare anche di giovani, basta pensare che il Mio Fantasy è giocabile anche da gruppi di giovanissimi (8 anni in su) e anche Holy Truth, se non fosse per il tema, è estremamente appetibile ai più giovani, proprio perché un conto è dover fare conti a mente, scrivere su un foglietto, un conto invece è vedere visivamente quello che devi fare.

Provate uno qualsiasi dei giochi elencati, sono sicuro che noterete le caratteristiche che vi ho illustrato e ne apprezzerete le qualità!

Sostieni Vas Quas Editrice

Sostieni Vas Quas Editrice
Acquista i nostri giochi su DriveThruRPG