giovedì 1 maggio 2014

Party game e gioco di ruolo, un buon modo per rompere il ghiaccio.

Party game e gioco di ruolo, un modo per rompere il ghiaccio.
Mi rendo conto che l'argomento possa far storcere il naso a molti. Credo che quasi tutti gli amici che ci leggono hanno ormai digerito che il gioco di ruolo, non è solo il gioco con tomi da 3000 pagine. Ci sono passato anche io in questa fase, anche se ammetto di esser stato sempre quello che vedeva in modo indigesto un manuale di 300 pagine, perché sono il primo che non ha voglia di leggerlo. Ma il succo non è questo, posso esclamare oggi con certezza che tutti sappiamo che esistono decine e decine di modi diversi di intendere un GDR e non è di certo il numero di pagine! Comprendo anche il motivo per cui cambiare diventava difficile, immaginate dover rileggere un manuale di 300 pagine? Ok, alcuni di voi lo hanno sempre fatto ma io conosco gruppi che giocano per pigrizia a certi giochi da almeno 20 anni per non voglia di cambiare (compreso alcuni dei miei gruppi!). Questa premessa serve ad introdurre come il GDR in questi anni si sia evoluto con rotture e ricuciture, ma è andato avanti e credo che il Party Game + GDR possa essere un buon punto su cui continuare a costruire qualcosa.

In questi quasi due anni di studio nel creare giochi di ruolo, ho capito che la forza principale del nostro Catalogo Giochi è che abbiamo si coperto moltissimi generi di Giochi Di Ruolo ma ho anche puntato personalmente su elementi che ho notato essere una barriera fra me e il potenziale giocatore, l'immediatezza che ha aumentato l'accessibilità dei nostri giochi! 

Se Forest Keeper "Deluxe Edition" è stato un primo abbozzo di questo approccio, per quanto ancora grezzo, con qualche calcolo di troppo: rimane un gioco in cui non bisogna preparare nulla prima di iniziare a giocare, una volta creati i personaggi (ce ne sono pure di pre-fatti) ci si siede e si gioca! Ma aveva ancora dei limiti! Non posso proporlo a chiunque, non così facilmente e in modo così immediato. Lo è assolutamente per un Giocatore Esperto, lo è meno per chi un gioco di ruolo non l'ha mai visto! 

Per questo motivo ho pensato di realizzare l'Experience Engine, e ne ho visto la completezza in Cartooner! Quando mi sono reso conto che sono riuscito a fare un'intera partita in 40 minuti di treno con quattro signore molto curiose (ed estremamente divertite) che non sapevano nemmeno cosa fosse un GDR, ho capito che la strada da perseguire era quella! 

Questo non significa abbandonare anche gli altri generi! Significa però impegnarsi a distruggere un muro, fatto ancora del preconcetto che un Gioco Di Ruolo non è per tutti! Io amo parlare del mio hobby con chiunque mi dimostri curiosità e molto spesso la frase che sento dire è: "Ho visto quei grossi manuali che studiate, ma come fate? Non vi è mai capitato?", ovvio che la mia risposta è oggi "Ci sono giochi di tutte le dimensioni. Ci sono giochi che stanno su un biglietto da visita e ci sono giochi grandi come un'enciclopedia tre cani" e secondo me tutto questo ha avuto il giusto effetto di abbattere un primo muro, aumentando l'accessibilità dei nostri giochi! Soprattutto posso dire in un viaggio su un mezzo pubblico: "Se vuoi proviamo qui ora con altri due volontari!".

Il passo successivo che mi sarebbe piaciuto raggiungere, è trovare un modo di giocare che attraesse i giocatori direttamente, senza dover proporre! Il motivo? Già il fatto di proporre ti pone nella posizione del professore che cerca di attirare gli alunni o come se dovessi vendere qualcosa e non è questa la strada per aprire breccia nel nostro Hobby (non per me). Ho sempre cercato di portare in questo hobby amici, amici che sono disponibili a provare un gioco da tavola in qualsiasi momento ma storcono il naso sul GDR appena ne sentono la puzza!


Ammetto che tornato a casa, non ci vedevo dalla voglia di voler progettare qualcosa del genere! In effetti ho iniziato a parlare di Triello poco dopo Etruscon, anche se mentalmente ci stavo già pensando dal momento stesso in cui avevo messo piede a casa! Ebbene sì, il Triello nella sua semplicità, immediatezza, coreografia che crea fa esattamente quello che ho detto sopra. Indubbiamente se ti vedono giocarci, "si avvicinano per chiederti di cosa si tratta e ti chiederanno di giocarlo". 

Sono sicuro che molti di voi hanno scaricato "Il Triello", snobbandone le potenzialità! Non me ne stupisco, quando ho letto la prima volta Sea Dracula ero talmente perplesso, che ho detto, ma "mi ci vedi a me a ballare come un cretino? Per portare avanti una mia causa?", eppure ho scoperto che ti invoglia a metterti in gioco, ti fa giocare di ruolo, ti fa ballare e guardarlo ti mette voglia di provarlo! Non sono stato di certo io a creare questa prima crepa in un muro così spesso, ma sono convinto che questa strada possa aiutare ad abbattere un muro ormai vecchio e traballante. 

Ci vorrebbero più giochi vicini ad un Party Game, non ne ho dubbi! Ho potuto sperimentare io stesso l'effetto che ha avuto sul mio gruppo di amici, ho visto finalmente giocare anche amici che si erano sempre rifiutati di farlo e questo è un successo! Questi sono gli esempi che ho trovato fino ad ora, oltre il Triello: Sea DraqulaIt Was A Mutual Decision e Truel.

Sostieni Vas Quas Editrice

Sostieni Vas Quas Editrice
Acquista i nostri giochi su DriveThruRPG