mercoledì 8 dicembre 2010

Gioco di ruolo fantasy vas quas Xantis: quale tipologia di personaggi puoi scegliere


Gioco di ruolo fantasy vas quas Xantis: quale tipologia di personaggi puoi scegliere
Credo sia chiaro dire che in Xantis possa essere inutile interpretare un Pg che fa il Contadino, non è questo lo scopo del Gioco, in Xantis il giocatore deve interpretare un Pg che si schiera o a favore dei Templi della magia o contro di essi, ma soprattutto che sia un'avventuriero.

Prima di giocare è necessario che il Gruppo sia chiaro su cosa giocare, Xantis è pensato per giocare in "Gruppo" specie nella fase di Ricostruzione e come tale: "il Master dovrebbe dare un'idea iniziale di storia da ampliare poi con il Gruppo".


"Ma soprattutto che i Pg che state realizzando sono principalmente avventurieri e non persone qualunque."

Es Il Master dice: "Che ne pensate di un'avventura nell'armata delle Valli?"
Da qui il Gruppo insieme sceglie se la cosa può andare bene o meno, ogni giocatore dunque pensa un personaggio che stia bene nell'armata delle Valli (dando anche motivazioni nella storia) e cerca anche di definire degli scopi al suo interno. Io consiglio di scegliere anche se la storia è focalizzata su un gruppo in particolare, cerco di spiegarmi meglio, se il Gruppo deve far parte dell'armata della Valli, sarebbe bene che se un personaggio sceglie di uscire dall'armata narri le sue ultime scelte e poi rientri con un nuovo personaggio motivato a restare nell'Armata (soprattutto per i nuovi gruppi questo sistema aiuta molto il Master).

Ma mi raccomando prima di iniziare a preparare il Pg è necessario anche scegliere insieme il tipo di avventura che si vuole giocare se Epica, se c'è il Destino, se il Pg può morire e certo anche la durata della campagna, questi fattori devono influenzare il Giocatore nel scegliere il tipo di Pg e le Abilità da assegnargli.

In questo Manuale abbiamo deciso che non ci siano Abilità, Arti e Specializzazioni superflue, cioè che non servirebbero mai ad un'avventuriero, preferiamo che ognuna di quelle Abilità, Arti e Specializzazioni siano realmente utilizzabili dal giocatore e utili.

Un anno è trascorso, ma ricordo bene quel giorno, ricordo…
Era un caldo pomeriggio, l’Ileo(il sole) sembrava voler martoriare quelle terre che da troppo tempo non offrivano più frutti a chi, disperatamente, cercava di strapparglieli. Intorno a me ancora i segni della guerra, malattie, morte e devastazione. Quelli che un tempo erano stati fiorenti campi di grano, adesso non erano altro che terra brulla, troppe volte calpestata dagli zoccoli dei cavalli o dal passo pesante degli Screch.
Al mio passaggio i contadini si voltavano, chiedendosi cosa mai potesse volere un servitore del Tempio Bianco in quelle terre dove la fame regnava sovrana. L’uomo alzò lo sguardo e, seppur lontano, mi riconobbe. Rimase fermo, con la vanga sollevata a mezz’aria mentre la mia ombra si avvicinava alla sua figura. C’era odio nel suo sguardo e rabbia e rassegnazione e tristezza: sapeva cosa stavo cercando. Si lanciò contro di me all’improvviso, senza che potessi avere il tempo di riflettere; le guardie imperiali, che mi accompagnavano, si lanciarono contro di lui. Pareva posseduto da un demone mentre si batteva, mostrando una forza quasi sovrumana. Una delle guardie fu costretta a colpirlo con la sua spada e il suo sangue disegnò fiori rossi sulla mia tunica immacolata. Poi cadde al suolo ed giacque disteso ai miei piedi. Lo guardai: la fame aveva indebolito i suoi muscoli, un tempo possenti, e aveva scavato profonde rughe sul suo volto, il ricordo di quanto era stato aveva reso bianchi i suoi capelli e la barba, ma non era riuscito a portargli via la speranza. La mia venuta era stata più terribile di tutte le sofferenze patite. Volsi lo sguardo e vidi: il bambino singhiozzava, stretto alla madre, guardandomi con lo stesso odio che aveva provato verso quelli che, mesi prima, avevano distrutto la loro terra. La donna al suo fianco era caduta in ginocchio, ma le lacrime non solcavano il suo volto rassegnato. Dovetti strappargli con la forza il figlio dalle braccia e trascinarlo via, non potevo avere pietà e compassione di quella famiglia, non potevo cedere a quei sentimenti o per Xantis sarebbe stata, presto, la fine. La donna rimase lì, ferma, lo sguardo perso nel vuoto e le braccia protese verso quel bimbo che non avrebbe più potuto stringere a sé.
Oggi mi chiedo a cosa ci porterà tutto questo, mentre distolgo lo sguardo dagli occhi pieni di odio di un bambino che aveva in sé il dono della vita e che ora, rinchiuso nel suo pesante silenzio, disprezza me e ciò che rappresento.
Lungo il cammino per la ricostruzione.
Se si volesse descrivere l’Emisfero Est, nel 1030 DAA, all’incirca venti anni dopo la Guerra con gli Screch (popolo alieno proveniente dal Mondo delle Bestie), si potrebbe parlare di una bellissima giornata di sole, con una leggera brezza marina a rallegrar il passare del tempo. Panorama selvaggio di boschi e pianure verdi e rigogliose, oltre le quali… Oltre le quali, nubi nere più dell’odio, più della morte, anzi, come la morte stessa avanzano minacciando apertamente la sovranità di ogni cosa esistente e sopravissuta nell’Emisfero. L’uragano passato su queste terre una volta ospitali e pacifiche, ha il nome di Guerra dei Secoli. Fulmine di distruzione che prepotente e testardo ha distrutto ogni cosa nelle terre di Axantis (Axantis è la capitale dell’emisfero Est). Due anni in cui ogni uomo, abile e non, capace, o solamente volenteroso, si è messo al servizio dell’Impero, in prima linea, morendo per la propria libertà. Antichi equilibri spezzati. Popoli onniscienti e antichi come il sole ridotti ad un manipolo di superstiti, costretti a combattere ogni giorno contro l’oblio, antichi odi risvegliati, e la sfiducia ed il sospetto che come ingannevole serpente strisciano su ogni sentiero, arrampicandosi tra le città dimenticate, iniettando il loro veleno su uomini disperati, e terrorizzando con le loro incantevoli storie bambini e vecchi.

Che tipo di Personaggio posso impersonare:
Ma cerchiamo di disegnare i Personaggi anche se in Xantis non esistono le classi può dare un'idea su cosa un giocatore può impersonare (nel manuale troverete tutte le indicazioni per realizzare uno dei Personaggi indicati).

Guerriero: C'è poco da dire a riguardo, si può scegliere di essere al Servizio di una delle armate(ve ne sono diverse, con scopi e richieste diverse) oppure di essere un Mercenario. Il Guerriero in Xantis si divide in due tipologie principali, il Guerriero da Fanteria Pesante, il Guerriero da Fanteria Leggera. E' chiaro che per il tipo di sistema sarà possibile anche creare una via di mezzo o anche altre varianti di Guerriero: come ad esempio il Guerriero Assassino.

Assassino: Per quanto sia di base un Guerriero, questa tipologia di Pg merita una sua descrizione a parte, gli Assassini in Xantis sono molto presenti e temuti! Quando le armate Viola hanno perso potere e combattenti, l'unica via per andare avanti a creare Terrore e Distruzione è stata quella di assoldare Assassini che facessero missioni mirate!

Ladro: Molti in Xantis si guadagnano da vivere in modo onesto, altri invece si guadagnano da vivere borseggiando, facendo furti all'interno di abitazioni e vivendo sempre nel più totale anonimato! Anche i Ladri sono diventati importanti nei piani sia dei Templi che dei Reietti, infatti vengono spesso assoldati per rubare piani, spiare o procurare attrezzature alle armate!

Mercante, Politico, Oratore: Il personaggio viene totalmente basato sulle capacità di comunicare, di comprensione delle situazioni e di trattare. Questo tipo di personaggi è molto importante in un gruppo, per prima cosa possono capire facilmente se qualcuno sta mentendo ma sono anche importanti per uscire fuori da situazioni difficili! Per quanto può essere strano, l'oratore può essere usato anche in combattimento per cercare di distrarre il proprio avversario o spaventarlo a tal punto da fargli abbandonare il combattimento!

Mago Runico dei Templi: Sono i maghi che usano le Rune, simboli magici per modificare il Magicha e creare la Magia! Sono gli studiosi di Xantis, questi maghi sposano le cause dei Templi: Bianco e Nero! Il Tempio Bianco va a fermare Maghi che utilizzano la magia fin di bene mentre il Tempio Nero si occupa di fermare quei maghi che usano la magia per creare distruzione e terrore.

Mago Runico Reietto: Questi Maghi sono nati per volontà del Dio violaceo, esso infatti ha spiegato loro come distruggere la Natura per ottenere da essa il controllo della Magia.

Elementalisti dei cinque cerchi: Gli Elementalisti possono far parte dei Templi o far parte dei Reietti, questi particolari personaggi usano la concentrazione per entrare in contato con l'elemento e piegarlo al proprio volere!

Elementalisti della natura: Sono i guardiani dei Boschi, controllano che essi rimangano in vita e non vengano distrutti dai Maghi Reietti e dagli stessi Elementalisti della Natura impazziti o che hanno abbracciato la Rivolta dei Reietti. In questo particolare periodo storico sono molto importanti, i templi cercano di formarne svariati perché sono gli unici ad accorgersi dell'utilizzo di Magia Runica Reitta (che brucia la natura per ottenere la magia).

Bardi: Canta storie? Si certo, anche se in Xantins hanno appreso che le note dei loro strumenti o della loro voce melodiosa possono alterare il Magicha. Esistono svariate scuole di Magia Bardica un tempo solo di proprietà dei Templi ma con gli anni molti maestri hanno iniziato ad insegnare questo tipo di Magia al di fuori di essi.

Sacerdote: Sui sacerdoti è più difficile ed ampio il discorso, questo perché ogni divinità ha dei suoi Scopi precisi e detta alcune leggi, leggi che spesso indicano anche se seguono i Templi della Magia o vi vanno contro! Anche qui il Giocatore può scegliere se essere Sacerdote puro oppure essere considerato Templare; i Templari sono i protettori dei Templi spesso vengono usati per risolvere questioni sporche, non accedono a tutti i poteri del Dio ma sono liberi anche di avere altre attività o arti.

Se a questo combinate il grosso numero di Razze e Popoli, le decine di combinazioni possibili vi renderete conto che difficilmente intorno ad un tavolo vedrete personaggi uguali! Anzi un buon gruppo è sempre composto da personaggi vari poiché com'è facile intuire ognuna di questi tipi di Pg ha dei Pro e dei Contro, ma penso sia inutile elencarli in questa sede.

P.s. L'immagine in questo topic è relativa "Il Lato Oscuro delle Montagne", prima espansione di Xantis, visto che non lo pubblicheremo stiamo osando di realizzarlo totalmente a colori (un manualetto illustrato di circa 40 pagine) le opere sono di M. Lombardi.

Sostieni Vas Quas Editrice

Sostieni Vas Quas Editrice
Acquista i nostri giochi su DriveThruRPG